condominio

Come si può punire chi viola il Regolamento del condominio?

Come si può punire chi viola il Regolamento del condominio?

La vita per chi abita in condominio non è sempre facile. In molti casi nascono dispute a causa di motivi futili e basta davvero poco per alterare degli equilibri quotidiani di civile convivenza. All’amministratore spetta il compito di far rispettare il Regolamento di condominio ai singoli condomini, ma fino a che punto riesce a punire chi viola ripetutatamente le norme stabilite?

Scopri con PERLA Immobiliare cosa prevede la legge e quando si può sanzionare un trasgressore.

Un inquilino lascia che il cane faccia liberamente i propri bisogni nelle aree comuni o si serve dell’ascensore per trasportare mobili contro il Regolamento: chi deve intervenire? di certo non si tratta di reati per i quali sia opportuno chiamare i carabinieri o la polizia… ma quando per un condomino gli atteggiamenti scorretti non sono più l’eccezione, in qualche modo si devono prendere provvedimenti.

L’amministratore è il custode delle regole del palazzo, è tenuto a far rispettare il Regolamento scelto dall’assemblea, ma nella pratica non può fare granché. Ciò significa che non può multare, sanzionare o punire in alcun modo il trasgressore, né proibire al condomino determinati servizi.

Al massimo l’amministratore può fargli causa in rappresentanza dei diritti dell’intero condominio; questa però è una soluzione alquanto difficile se non si effettua prima una riunione, in cui venga dato il consenso dell’assemblea e sia nominato un avvocato.

Un modo poco conosciuto per punire chi viola il regolamento sarebbe quello di applicare quanto stabilito dal nostro Codice Civile dopo una modifica approvata nel 2012. In base alla legge, sono previste sanzioni pecuniarie private a carico di coloro che (abitando dentro il palazzo) violano il regolamento.

Dunque per le infrazioni si può imporre il pagamento di massimo 200 euro che, in caso di recidiva, può salire fino ad 800 euro. Non si può eccedere sopra questa cifra neanche con il consenso unanime dell’assemblea. La sanzione sarà applicata dall’amministratore e la somma verrà devoluta al fondo di cui l’amministratore stesso dispone per le spese ordinarie.

condominio

Solo i condomini possono essere sanzionati (perché sono solo loro ad aver accettato tale limitazione sottoscrivendo il Regolamento) e non i loro ospiti, gli estranei, gli usufruttuari, né gli inquilini in affitto.

In quali casi e in che modo all’amministratore è consentito intervenire e infliggere la sanzione a chi viola il Regolamento di condominio?

  1. La sanzione deve essere stata prevista già dal Regolamento e non con una semplice delibera dell’assemblea successiva alla commissione dell’illecito. In altre parole, la clausola del Regolamento che prevede la sanzione deve essere stata approvata prima della violazione.
  2. L’assemblea poi non può prevedere altre pene se non quelle pecuniarie. Riferendoci agli esempi fatti all’inizio del nostro articolo, non si può assolutamente proibire al condomino l’accesso al giardino o l’utilizzo dell’ascensore.
  3. Prima che l’amministratore intervenga con la sanzione, è indispensabile che tutti i condomini vengano informati della violazione del condomino inadempiente. Poi si passa alla votazione sull’applicazione della sanzione con voto favorevole della maggioranza degli intervenuti alla riunione ed almeno 1/2 del valore millesimale dell’edificio.
Continua a seguire il blog di PERLA Immobiliare per avere tante informazioni utili per la tua vita in condominio…e non solo! Siamo una società di professionisti dell’immobiliare che offre un servizio completo, assistendo ogni fase della transazione immobiliare dal primo contatto fino al rogito.
Contattaci per una consulenza o lasciaci un commento per avere ulteriori informazioni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *